Territori: Roero

0

Roero è un angolo di Piemonte, fra le Langhe e il Monferrato, a Nord Ovest della provincia di Cuneo. Un grappolo di colline che arrivano a lambire il Tanaro, fronteggiando le colline di Langa con una serie di stupendi castelli.

La vite condivide il terroir con piccoli fruttei (le pesche del Roero, la pera Madernassa e le albicocche di Mariano Alfieri). E poi boschi di nocciole e castagni cui fanno quadro le piantagioni di fragole rigorosamente custodite dall’uomo, la cui mano è ben visibile anche nei castelli che dominano le cime dei colli a picco sui paesini medievali e sui borghi agricoli.

Le colline del Roero sono soggette ad un clima tipicamente continentale e tendenzialmente arido con scarse precipitaizoni estive con terreni soprattutto sabbiosi a cui si sommano percentuali diverse di limonite, argilla, calcare.

La cattura del Tanaro

In origine Langhe e Roero formavano un unico ininterrotto altopiano. Fu la “cattura del corso del Tanaro”, che in conseguenza di un fenomeno geologico di bascullamento spostò la sua confluenza col Po dalla pianura di Carmagnola a quella di Valenza, a innescare un gigantesco processo di erosione e di ringiovanimento del territorio che condusse alla parziale demolizione dell’altopiano primigenio, alla separazione fra Langhe e Roero ed alla suddivisione del Roero in due zone assai diverse fra loro: a N-O il residuale tavoliere originario, a S-E la regione interessata dai fenomeni geologici di cui si è detto e caratterizzata da un sistema collinoso a struttura labirintica digradante dall’orlo della terrazza centrale fino alle sponde del Tanaro.
È proprio in questo settore del Roero che trova la sua collocazione ottimale la coltura specializzata della vite.

Al medioevo risalgono le più antiche citazioni del Nebbiolo, Arneis e Moscatelli e la Favorita compare con segnalazioni di vinificazione in purezza nel 1676. Ma il Roero annovera anche pregiate produzioni di Barbera, di Bonarda, di Croatina e di Brachetto (varietà locale definita a “grappolo lungo” e commercializzata come Birbèt). Non manca una piccola “isola” di Moscato (S. Vittoria d’Alba).

Le perle vinicole di questo affascinante territorio sono:

  • Roero Docg
  • Roero Riserva
  • Roero Arneis Docg
  • Roero Arneis Spumante

Roero in cifre:

  • 186 ha circa sono dedicati alla coltivazione del Nebbiolo
  • 708 mila circa le bottiglie di Roero Docg prodotte annualmente
  • 5.7 mio le bottigli prodotte annualmente di Roero Arneis

 

Share.

Comments are closed.